Ambulatorio : Dal LUN al VEN dalle 16:00 alle 20:00 - SAB e DOM a domicilio
  Telefono : +393296049834

L’alimentazione e la sindrome premestruale. 

Le donne che assumono 20 mg di ferro al giorno con l’alimentazione soffrono dal 30 al 40% in meno della sindrome premestruale rispetto a chi ne assume di meno.
Anche lo zinco protegge dai disturbi ma ha piu’ effetti collaterali. Al contrario il potassio, se assunto in quantita’ elevate, aumenta il rischio di soffrire della sindrome premestruale, disturbo molto comune e che si manifesta con cambiamenti di umore, ritenzione idrica, aumento del peso e dolori addominali. Lo dimostra una indagine condotta alla scuola di salute pubblica della University of Massachussets, ad Amhrest, insieme all’universita’ di Harvard e la ricerca e’ pubblicata oggi sull’edizione online dell’American Journal of Epidemiology. Gli studiosi hanno osservato per dieci anni le abitudini alimentari, incluso il consumo della maggior parte dei minerali, di 3.000 donne. Spiega Patricia Chocano Bedoya, direttore dello studio: ”Abbiamo scoperto che le donne che consumavano quantita’ superiori di ferro pari a 20 mg al giorno, (ma deve essere nella particolare forma definita di ferro non-eme) presente nei vegetali o negli integratori alimentari, erano soggette dal 30 al 40% in meno della sindrome premestruale rispetto a quelle che non lo assumevano o che ne assumevano di meno. Il ferro agisce soprattutto sui cambiamenti di umore perche’ associato al rilascio della serotonina, un neurotrasmettitore che aiuta a regolare l’umore”. ”La dose efficace supera quella raccomandata per il trattamento della stessa sindrome, che e’ di 18 mg” precisa Chocano Bedoya.
Gli studiosi precisano che gli altri minerali, dal magnesio al rame al sodio e manganese non sono associati ai fastidi tipici dell’arrivo delle mestruazioni. (fonte: ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivimi su WhatsApp