Ambulatorio : Dal LUN al VEN dalle 16:00 alle 20:00 - SAB e DOM a domicilio
  Telefono : +393296049834

Gli alimenti e la buona attività cerebrale.

Mangiare carote, cavolo riccio e patate dolci potrebbe essere un’arma di contrasto semplice ed efficace per mantenere una buona attività cerebrale e contrastare l’insorgere della demenza. Merito dei carotenoidi, di cui questi alimenti sono ricchi e che sono le sostanze che danno loro un colore brillante. In particolare, tra questi luteina e zeaxantina.
A suggerirlo uno studio della University of Georgia, negli Usa, pubblicato sulla rivista Journal of the International Neuropsychological Society. Gli studiosi hanno preso in esame 40 adulti tra i 65 e gli 86 anni, esaminandone l’attività cerebrale con una risonanza magnetica mentre tentavano di ricordare abbinamenti di parole che avevano appreso in precedenza. Dai risultati è emerso che i partecipanti con livelli più bassi di luteina e zeaxantina dovevano usare più energia cerebrale e fare affidamento in maniera più pesante su diverse aree del cervello per ricordare gli abbinamenti di parole appresi, mentre coloro che avevano livelli più elevati di questi due carotenoidi erano in grado di minimizzare la quantità di attività cerebrale necessaria per completare l’operazione. In altre parole, erano più “efficienti” dal punto di vista della funzionalità dei neuroni. s Servono altri studi per approfondire ulteriormente il risultato ma secondo Stephen Miller, uno degli autori dello studio, si potrebbe arrivare potenzialmente a usare “integratori alimentari o cambiamenti nella dieta, per poter facilmente intervenire e potenzialmente migliorare le funzioni cognitive negli over 65”.(fonte: ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivimi su WhatsApp