Orario : Da Lunedì al Venerdì dalle 16:00 alle 20:00 - Sabato e domenica a domicilio
  Contatti : +39 329 6049834

Anche se non si è a dieta, bisogna cercare di seguire una corretta alimentazione.

Una terapia a costo zero come quella di una corretta alimentazione può rappresentare il punto di partenza per ridurre l’incidenza di patologie come il diabete, l’ipertensione, o disturbi come la glicemia e colesterolo alto negli anziani. E’ quanto ha sottolineato lo specialista in Scienze dell’Alimentazione, Giovanni Antonelli, nel corso dell’incontro dedicato a ‘Una corretta alimentazione nell’anziano’ organizzati dal ministero della Salute a Expo. “Una corretta alimentazione è fondamentale per gli anziani – ha spiegato – per motivi di carattere etico ma anche clinico, perchè con l’aumentare dell’età aumenta anche l’incidenza di alcune patologie. Cresce di conseguenza anche la spesa per il Servizio sanitario nazionale”. Secondo i più recenti dati Istat, la popolazione anziana in Italia sta crescendo esponenzialmente: si calcola infatti che attualmente un italiano su 5 sia ultra sessantenne e che nel 2050 circa il 34 per cento della popolazione avrà più di 65 anni, contro il 19,5 del 2005. Una dieta sana “dettata dal buon senso” può essere un prezioso alleato: i consigli sono quelli di mangiare cibi variegati dal punto di vista nutrizionale, bere almeno 5 bicchieri di acqua al giorno, consumare frutta e verdura fresca.
“La malnutrizione è una situazione che si riferisce non solo al sottopeso o al sovrappeso – ha spiegato – ma può interessare anche una persona normo peso che però non assume i nutrienti di cui ha bisogno”. La stanchezza, la confusione mentale, i disturbi della vista o i giramenti di testa possono essere i sintomi di una più o meno profonda malnutrizione, anche associata a disidratazione. “Osservare il peso corporeo e far eseguire esami del sangue permetterà al medico o allo specialista di poter riconoscere uno stato di malnutrizione e di correggerlo – ha concluso – apportando modifiche nella dieta di tutti i giorni”. (fonte: ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *